Responsabilizzare la Thailandia e il collettivo inglese di prostitute

Q&A: Eliminare la tratta dal lavoro sessuale

0
attivistiStorie di sopravvissuti

La tratta di esseri umani è stata a lungo separata dalla più ampia criminalità della tratta di esseri umani. Ma alcuni iniziano a chiedersi se questa separazione sia utile o anche se sia attivamente dannosa.

I sostenitori dei diritti dei lavoratori del sesso sostengono che la divisione rende più facile per le persone confondere tutto il lavoro sessuale con la tratta, ispirando campagne fuorvianti per eliminare il lavoro sessuale in generale e negando alle lavoratrici del sesso l'opportunità di difendere i loro diritti del lavoro. Inoltre, perpetua le vittime dello sfruttamento come criminali piuttosto che ricevere l'aiuto, il sostegno e la giustizia che meritano.

I sostenitori sostengono che il fatto di non considerare il traffico sessuale dall'ottica del traffico ai fini dello sfruttamento limita gli sforzi delle lavoratrici del sesso per contrastare lo sfruttamento nell'industria del sesso. La lotta alla tratta di esseri umani e alla schiavitù moderna perde un prezioso alleato se non vengono incluse le lavoratrici del sesso.

Freedom United ha avuto il privilegio di tenere una sessione di domande e risposte con Empower Foundation Thailandia e Collettivo inglese di prostitute per saperne di più su questo importante problema.

 

L'88% dei voti nel sondaggio Twitter di Freedom United ha sostenuto la convinzione che le lavoratrici del sesso e le organizzazioni per i diritti delle lavoratrici del sesso siano parti interessate chiave nella lotta al traffico sessuale.  Pensi che le voci delle lavoratrici del sesso vengano ascoltate in questa lotta?

EFT: L'organizzazione delle lavoratrici del sesso è fondamentale per combattere lo sfruttamento, compresa la tratta, ma il nostro contributo non è stato riconosciuto.

L'organizzazione nazionale thailandese dei lavoratori del sesso, Empower, ha pubblicato una ricerca intitolata Hit & Run: L'impatto della politica e della pratica anti-tratta sui diritti umani dei lavoratori del sesso in Thailandia. Questa ricerca e le sue scoperte cruciali sono state ampiamente ignorate.

Che Hit and Run ha dimostrato che le lavoratrici del sesso in Thailandia sono i principali fornitori di famiglie e comunità. Ha dimostrato che le donne vogliono emigrare per trovare un lavoro meglio retribuito di quello disponibile nel loro paese d'origine, ma a loro è negato il modo legale di viaggiare. In casi come questi, le donne possono pagare qualcuno per aiutare, con l'aspettativa che guadagneranno soldi attraverso il lavoro sessuale per estinguere qualsiasi debito contratto. Le restrizioni contro la migrazione indipendente sicura dovrebbero essere alla base di qualsiasi discussione sulla tratta.

Invece, la questione della tratta è stata utilizzata per aumentare i poteri della polizia, chiudere i confini e organizzare operazioni di "raid e salvataggio" contro le prostitute, causando gravi danni. Fondamentalmente, la ricerca è stata in grado di fornire statistiche che hanno dimostrato che durante i raid della polizia, per ogni persona classificata come vittima di tratta, da sei a otto prostitute migranti non trafficate vengono arrestate, detenute e deportate.

Anche le persone classificate come "vittime" sono detenute per periodi ancora più lunghi fino a due anni e alla fine vengono espulse.

Etichettare quelli di noi che sono prostitute migranti come vittime automaticamente della tratta significa che il nostro ruolo di guida del movimento contro la criminalizzazione e la violenza nell'industria del sesso è nascosto. Inoltre, le soluzioni offerte a coloro che sono vittime di tratta non riescono a difendere i loro diritti umani, la loro dignità o a rispettare i loro bisogni.

 

In che modo considera il lavoro sessuale diverso dalla tratta?

EFT: Per rispondere a questa domanda dobbiamo iniziare dicendo chi sono le lavoratrici del sesso. In Thailandia, l'80% delle lavoratrici del sesso sono madri. In media le lavoratrici del sesso in Thailandia sostengono da cinque a otto altri adulti e mirano a porre fine alla povertà per la loro famiglia a livello generazionale. Le donne stanno costruendo grandi sogni; comprare terreni, trattori e case, avviare le loro sorelle in una piccola impresa, mandare i figli all'università: sono il principale fornitore per la famiglia.

Confrontare tutto il lavoro sessuale con la tratta come comunemente inteso, ovvero il movimento di persone con la forza e la coercizione insieme al lavoro forzato non retribuito nel paese di destinazione, è molto problematico.

La confusione tra il lavoro sessuale e la tratta rimane un ostacolo a risposte efficaci e all'identificazione delle persone vittime di tratta. Inoltre ostacola gli sforzi per affrontare le reali preoccupazioni che le lavoratrici del sesso hanno sulle nostre condizioni di lavoro, poiché rischiamo che la risposta ai reclami dei lavoratori sarà un aumento delle incursioni e dei salvataggi, non un miglioramento degli standard di lavoro.

Etichettare tutte le lavoratrici del sesso migranti come vittime della tratta rende effettivamente impossibile per le lavoratrici del sesso assumere un ruolo proattivo nell'affrontare la tratta di esseri umani nel nostro settore. Siamo tutti a rischio di arresto, detenzione e, per i migranti tra noi, deportazione, quindi non possiamo essere efficaci come potremmo essere.

 

Come possono le lavoratrici del sesso e le organizzazioni per i diritti delle lavoratrici del sesso essere alleate nel fermare il traffico sessuale?

EFT: Il termine "traffico sessuale" è un termine improprio utilizzato per stigmatizzare e dividere ulteriormente i lavoratori del sesso da tutti gli altri lavoratori. Gli alleati dovrebbero rifiutare questo termine e considerare la situazione dei lavoratori trafficati in tutti i settori. La tratta di esseri umani nell'industria del sesso è resa possibile dalla povertà delle donne e dalla nostra determinazione a evitarla. È aggravato dalla chiusura delle frontiere, da un ambiente di immigrazione ostile, dal sessismo, dal razzismo e da altre discriminazioni sul lavoro; e i bassi salari e le condizioni di lavoro di sfruttamento che possono esistere in tutti i lavori.

Un'efficace strategia anti-tratta deve rafforzare le mani delle donne. La depenalizzazione del lavoro sessuale consentirebbe alle donne che lavorano nell'industria del sesso di insistere sugli stessi diritti del lavoro degli altri lavoratori e denunciare la violenza senza timore di essere arrestati. Ciò porrebbe fine all'impunità dello sfruttamento e renderebbe le donne meno vulnerabili a coloro che sono pronte a sfruttarle.

Ci battiamo per la depenalizzazione e la sicurezza, ma anche contro l'ambiente ostile dell'immigrazione, e per benefici e alloggi in modo che le donne abbiano accesso a denaro e risorse per nutrire se stesse e le loro famiglie.

L'altra strategia contro ogni sfruttamento e abuso nell'industria del sesso, inclusa la tratta, è quella di organizzarsi con altri lavoratori per aumentare i salari e affrontare lo sfruttamento.

 

In che modo le vostre organizzazioni sono state in grado di aiutare ad aiutare le vittime e le sopravvissute della tratta sessuale sia nel Regno Unito che in Thailandia?

ECP: Alcune delle donne nella rete del Collettivo inglese delle prostitute si adatterebbero alla descrizione di una vittima trafficata - cioè qualcuno che viene portato nel Regno Unito, trattenuto contro la loro volontà e minacciato o costretto a fornire servizi sessuali per il profitto di qualcun altro. In ogni caso le donne non sono state "salvate" da altri, sono scappate grazie al loro ingegno, coraggio e capacità organizzative.

Due sorelle arrivate a Londra dalla Moldavia rurale, dove la famiglia "non aveva acqua corrente o gas per il riscaldamento", promesso di lavorare in un ristorante. Ci hanno raccontato come “dopo una settimana gli uomini dissero che dovevamo guadagnarci da vivere dormendo con altri uomini. Ci hanno picchiato e hanno detto che non ci saremmo mai più visti se avessimo provato ad andarcene. Sono scappati reclutando l'aiuto della receptionist dell'appartamento dove lavoravano, che ha portato via dei soldi. Entrambi hanno simulato la malattia lo stesso giorno e sono scappati. Si sono rifiutati di andare alla polizia perché non volevano essere rimandati indietro. Invece sono venuti da noi e abbiamo trovato loro un alloggio di emergenza per alcuni giorni. Alla fine, una sorella ha trovato un lavoro come spogliarellista per potersi permettere l'affitto di mercato.

Abbiamo almeno 10 esempi come questo: la donna che ha coltivato una relazione con un gangster più grande di quello che la teneva, che l'ha sostenuta per riavere il suo passaporto. La giovane donna che è saltata fuori da un'auto alla stazione di servizio ed era seduta sulla soglia del nostro centro donne quando siamo arrivati ​​la mattina. L'abbiamo aiutata a chiedere asilo ed è stata messa in prigione per aver viaggiato con documenti falsi. È stata la nostra campagna con il Black Women's Rape Action Project che l'ha tirata fuori.

EFT: Empower ha scoperto che spesso sono le clienti delle donne a fornire l'assistenza più efficace e immediata nella loro fuga da situazioni di tratta.

 

Alcune persone credono che le incursioni della polizia nei bordelli siano il modo migliore per salvare le vittime del traffico sessuale, noto anche come modello di "incursione e salvataggio". Qual è la tua opinione su questo modello? Quali alternative ci sono per aiutare le vittime della tratta sessuale a trovare aiuto?

EFT: Di solito è buona norma controllare se qualcuno sta annegando prima di trascinarlo fuori dall'acqua.

Negli ultimi dieci anni, le lavoratrici del sesso in Thailandia hanno subito violazioni dei nostri diritti umani con il pretesto di attuare la legge e la politica anti-tratta. Abbiamo subito un assalto di calunnie che diffamavano la nostra intera industria; violente incursioni della polizia nei nostri luoghi di lavoro, detenzioni arbitrarie, riabilitazione forzata nei rifugi governativi e deportazione.

Le lavoratrici del sesso migranti non trafficate senza documenti di immigrazione che vengono arrestate in operazioni di "raid e salvataggio" sono spesso costrette a essere testimoni [...] Le donne e le ragazze arrestate durante le incursioni non vengono consultate sul loro luogo di detenzione, non hanno scelta su quale luogo devono andare e non può partire una volta che sono lì. Sono effettivamente imprigionati.

Dang Moo, ricercatrice e prostituta migrante birmana, Mae Sot, afferma:

Siamo venuti a costruire una nuova vita per la famiglia che non fosse rimandata a casa a mani vuote e vergognosa. Se ci accade qualcosa di brutto, vogliamo trovare un nuovo posto dove lavorare con un capo migliore.

Donne intervistate per Hit and Run ha commentato quanto sia disumanizzante il termine traffico sessuale:

Purtroppo la nostra ricerca ha continuato a mostrare che spesso quando le persone discutono del traffico di esseri umani nell'industria dell'intrattenimento lo chiamano "traffico sessuale" e la parola "umano" scompare. Non usano termini simili come traffico di cucito o traffico di pesca. Dopo tutto, l'attenzione non è sui nostri diritti umani, ma sembra piuttosto che il problema sia che stiamo facendo sesso.

Siamo costretti a convivere con la moderna menzogna che i controlli alle frontiere e le politiche anti-tratta sono per la nostra protezione. Nessuno di noi crede a questa menzogna o vuole quel tipo di protezione.

Siamo stati spiati, arrestati, tagliati fuori dalle nostre famiglie, i nostri risparmi ci sono stati confiscati, interrogati, imprigionati e messi nelle mani degli uomini armati, affinché potessero rimandarci a casa ... tutto in nome della "protezione contro tratta ”.

È spargere sale sulla ferita che questo viene chiamato aiutarci. Siamo grati per coloro che sono sinceramente interessati al nostro benessere ... ma vi chiediamo di ascoltarci e pensare in modi nuovi.

Dopo il “raid o il salvataggio” ripercorreremo lo stesso percorso, affrontando gli stessi pericoli agli stessi valichi di frontiera. Proprio come le donne che lottano per essere istruite, lottano per votare, lottano per partecipare alla politica, lottano per essere indipendenti, lottano per lavorare, per amare, per vivere in sicurezza ... non resteremo nella gabbia che la società ha creato per noi, il coraggio di continuare a superare i limiti."

 

Cosa ne pensi della tratta a scopo di sfruttamento sessuale e lavoro sessuale? Lascia i tuoi pensieri nei commenti qui sotto.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.