La schiavitù appartiene al passato #AmendThe13th

Cosa ci vorrà per mettere fuori legge la schiavitù negli Stati Uniti?

3
Schiavitù carceraria

“Ho passato 25 anni in schiavitù. È stato traumatizzante, doloroso, fisicamente e mentalmente. Mi sentivo subumano, umiliato, socialmente morto". - Curtis Ray Davis II, Direttore Esecutivo di Decarcerate Louisiana e precedentemente incarcerato 

Un numero incredibilmente sproporzionato di neri americani fa parte del si stima che 2 milioni di persone incarcerate negli Stati Uniti in questo momento. Tutti loro sono presi in un sistema legale di schiavitù.

Nonostante il suo obiettivo dichiarato di abolire la schiavitù nel 1865, ai sensi del 13° emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, la schiavitù e la servitù involontaria rimangono legali come punizione per un crimine attraverso la "clausola di eccezione". Ciò significa che per le persone incarcerate essere sottoposte a lavori forzati dietro le sbarre è un rischio quotidiano.

È scioccante che nel 21° secolo gli Stati Uniti siano ancora alle prese con l'eredità delle politiche razziste sotto forma di un sistema legale di schiavitù perpetuato attraverso l'incarcerazione di massa e il complesso industriale carcerario.

Lo sfruttamento del lavoro carcerario statunitense è nelle nostre catene di approvvigionamento. Meccanismi come il Prison Industry Enhancement Certification Program, attraverso il quale le aziende sono incentivate a “stabilire joint venture con agenzie di correzione federali, statali, locali e tribali", sono indicativi of un sistema intrinsecamente sfruttatore di governo intrecciato e interessi corporativi che creano le condizioni per la prosperità del lavoro forzato e forzato in detenzione. La "clausola di eccezione" lascia le persone incarcerate completamente non protette dal lavoro forzato per mano delle società.

Una questione di giustizia razziale

Secondo il Sentencing Project: “Gli uomini neri hanno sei volte più probabilità di essere incarcerati rispetto ai bianchi […] Per gli uomini neri sulla trentina, circa 1 su 12 è in prigione o in carcere in un dato giorno.“Questa non è solo una questione di diritti umani, ma una questione di giustizia razziale. Come ha annunciato il presidente Joe Biden all'inizio del Black History Month alcune settimane fa, è necessario "fare i conti con secoli di ingiustizia e affrontare quelle ingiustizie che ancora oggi si consumano.La messa al bando della schiavitù è un buon punto di partenza.

Anche se l'ILO lo afferma le persone incarcerate non dovrebbero essere costrette a lavorare sotto la minaccia di sanzioni, è evidente come il complesso industriale carcerario negli Stati Uniti sia molto al di sotto di questi standard internazionali. Le persone incarcerate nel vasto sistema carcerario degli Stati Uniti riferiscono di essere minacciate isolamento, diritti di visita limitati, abuso fisico, accesso limitato al cibo e frasi più lunghe se si rifiutano di lavorare.

I legislatori in azione

Fortunatamente, stiamo assistendo a progressi. L'anno scorso, il senatore Jeff Merkley e il rappresentante Nikema Williams hanno presentato l'Abolition Amendment, una risoluzione congiunta per colpire la lingua che consente la schiavitù come punizione per un crimine della Costituzione degli Stati Uniti. Anche i legislatori negli Stati Uniti stanno facendo progressi eliminare la lingua nelle loro costituzioni statali che consentono ancora la schiavitù come punizione per un crimine. Dal 2018, Colorado, Utah e Nebraska hanno eliminato con successo la "clausola di eccezione" dalle loro costituzioni. E nel 2021, il senatore Zellnor Myrie ha introdotto a disegno di legge nello Stato di New York vietare il lavoro involontario dei detenuti.

Più di 13,000 di voi hanno aggiunto la propria voce chiedendo al Congresso di approvare l'emendamento sull'abolizione, ma c'è ancora molta strada da fare. Ecco perché dobbiamo mantenere i riflettori su questo problema per vedere il Congresso agire.

Riflettendo sulla storia, diventa chiaro che la proliferazione del lavoro carcerario forzato è una componente intenzionale di un sistema carcerario fondamentalmente disumano progettato per fornire manodopera per pochi centesimi per riempire le tasche delle corporazioni.

Come siamo arrivati ​​qui?

L'approvazione delle leggi di Jim Crow in seguito all'abolizione della schiavitù dei beni mobili, in base alla quale una persona potrebbe possederne legalmente un'altra come proprietà, intendeva mantenere la segregazione e la sottomissione dei neri americani limitando le loro ritrovate libertà. I codici neri e le leggi sul vagabondaggio seguirono immediatamente l'abolizione formale e incompleta della schiavitù in modo concertato strategia per ri-schiavizzare efficacemente i neri americani emancipati.

Secondo le leggi sul vagabondaggio, coloro che sono percepiti come disoccupati o senzatetto potrebbero essere arrestati, imprigionati e dati in affitto per intraprendere lavoro brutale senza compenso in condizioni disumanizzanti e violente che non erano diversi, e in alcuni casi peggiori, della schiavitù dei beni mobili.

La pratica del "affitto di detenuti" ha visto decine di migliaia di americani prevalentemente neri e marroni negli stati del sud affittati dal governo degli Stati Uniti come manodopera a basso costo a società private e individui per lavorare in piantagioni, ferrovie, miniere di carbone e altre industrie chiave. Migliaia di persone sono morte per proteggere i profitti delle aziende.

Sebbene il "locazione di detenuti" sia stato gradualmente eliminato nel corso del 20° secolo, altre forme di lavoro penale forzato lo sostituirono rapidamente sotto forma di bande a catena, in particolare negli stati del sud. Allarmante, non è finita. Il sistema sistematico e intenzionale del lavoro carcerario forzato persiste oggi, colpendo in modo sproporzionato gli americani neri e marroni.

Sappiamo che sei d'accordo che la schiavitù appartiene al passato. Assicuriamoci che gli Stati Uniti ascoltino la nostra chiamata collettiva - aggiungi la tua voce alla campagna oggi.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

3 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Edoardo Cannone
Edoardo Cannone
5 mesi fa

Non sono d'accordo con questo. Cosa dovremmo fare con questa gente? Un certo valore deve essere derivato. Vietare condizioni gravemente disumane, sì. Fermare tutto il lavoro, no.

Jenna Crawford
Jenna Crawford
5 mesi fa

Non sono d'accordo con molte delle tue affermazioni vivaci e persuasive. Non potresti lodare l'annuncio dell'emancipazione o celebrare le nostre vittorie? L'inquadratura delle tue argomentazioni, sebbene energica nel discorso, è scoraggiante. Sono già impegnato a porre fine al lavoro forzato. Per favore, considera questo quando ti rivolgi al tuo pubblico. Mi sento attaccato piuttosto che informato.

Jane Wright
Jane Wright
5 mesi fa

Vorrei capirlo meglio conoscendo i dettagli di ciò che sta accadendo attualmente all'interno del sistema carcerario.
La riforma carceraria è un processo – ed è mia speranza che un giorno vedremo un sistema carcerario completamente attrezzato per equipaggiare i detenuti per una vita di successo oltre le mura della prigione. La consulenza, lo sviluppo delle competenze lavorative, l'istruzione, l'assistenza medica sono tutte componenti per aggiornamenti e riforme.