Crossing Paths and Call for Change con Nadia Murad - FreedomUnited.org

Crossing Paths and Call for Change con Nadia Murad

  • Edizione del
    Dicembre 11, 2018
  • Scritto da:
    Joe Schmidt
  • Categoria:
    Attivisti, attivisti contro la schiavitù, partner in primo piano, storie di sopravvissuti, vittorie
Banner eroe

Questa settimana il mondo ha visto l'incredibile forza e coraggio di Nadia Murad quando ha accettato il Premio Nobel per la Pace per il 2018. Lavora instancabilmente per spingere il mondo ad agire per conto di migliaia di donne e ragazze yazide che vengono ancora comprate e vendute ogni giorno .

È stato un onore per me aver attraversato il mio viaggio di abolizionista moderno con qualcuno straordinario e stimolante come Nadia Murad.

Nel 2016, il nostro team di Freedom United ha iniziato a prendere in carico il lavoro di advocacy iniziato dalla Walk Free Foundation. Ero orgoglioso di collaborare con organizzazioni che rappresentavano veramente un movimento globale anti-schiavitù guidato dai sopravvissuti. Uno di questi partner era Yazda, l'ONG che lavora a fianco di Nadia per aiutare gli yazidi precedentemente schiavizzati a riprendersi.

Lavorando con Yazda, abbiamo sviluppato una campagna che chiede al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di agire contro ISIS / ISIL / Daesh per crimini contro l'umanità, inclusa la schiavitù di donne e bambini yazidi. Nostro Schiavitù nella campagna di conflitto ha ricevuto 102,441 firme. Abbiamo lanciato una petizione successiva chiedendo al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di nominare una leadership incentrata sulla fine della schiavitù nei conflitti, che ha raccolto il sostegno di 185,101 persone. 

Ecco la nostra petizione consegnata: Da sinistra, lo staff delle Nazioni Unite che ha scritto la risoluzione; Rowan Benecke (membro del consiglio di Freedom United), ambasciatore in Spagna e collaboratore dell'agenzia Burson-Marsteller (amico di Rowan)

A dicembre 2017, abbiamo avuto l'opportunità di consegnare tutte quelle firme all'ambasciatore spagnolo presso le Nazioni Unite. La risposta è stata sorprendente. In qualche modo, poche settimane dopo mi sono ritrovato a scortare oltre una dozzina di sostenitori di Freedom United nell'area di New York che avevano firmato la petizione all'ONU, per ascoltare il dibattito del Consiglio di sicurezza che adottava una risoluzione per agire!

Ho avuto l'onore di scattare questa foto con Nadia nell'angolo in basso a sinistra (cuffie accese) durante la votazione.

Mi sono seduto con i nostri sostenitori mentre ascoltavamo Nadia che dava la sua straziante e appassionata testimonianza. Eravamo tutti in soggezione per il suo coraggio e la sua convinzione. Il Consiglio ha votato e ha deciso all'unanimità di adottare la risoluzione!

Ecco l'equipaggio che ho portato alla sessione del Consiglio di sicurezza su invito dell'ambasciatore spagnolo. Ognuna di queste persone era newyorkese che ha firmato la petizione e ha risposto a un invito aperto a unirsi a me. Venivano da tutta New York e da tutti i ceti sociali.

Questo momento mi ha cementato ciò che era possibile. Che l'azione collettiva di migliaia di cittadini preoccupati, abbinata alle appassionate suppliche dei sopravvissuti, potrebbe effettivamente guidare il cambiamento. Sono estremamente orgoglioso di vedere Nadia ricevere il riconoscimento che si merita così profondamente. Ma soprattutto, vorrei ringraziarla per aver contribuito a ispirare me e il mio team a continuare a lottare per la libertà per tutte le persone, ovunque.

La sezione settimana

Il “Patto sulla migrazione” che potrebbe significare la fine dei diritti umani nell’Ue

Dopo quasi un decennio di deliberazioni, il Parlamento europeo ha recentemente approvato una revisione radicale delle norme dell’Unione europea in materia di asilo e migrazione con il cosiddetto “Patto sulla migrazione” che, secondo i sostenitori, porterà ad un aumento delle violazioni dei diritti umani, compreso lo sfruttamento estremo. Secondo Al Jazeera, figure di spicco dell’UE come il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il commissario europeo per gli affari interni Ylva Johansson credono in queste riforme

| Mercoledì aprile 10, 2024

Per saperne di più