Andare lontano per aumentare la consapevolezza - FreedomUnited.org

Andare lontano per aumentare la consapevolezza

  • Edizione del
    28 Agosto 2018
  • Scritto da:
    Tate Johnston
  • Categoria:
    Attivisti, attivisti contro la schiavitù
Banner eroe

Matt e Reece, entrambi 26 anni, provengono dal Regno Unito e stanno circumnavigando il globo su uno scooter con un sidecar. Saranno le prime persone a farlo e in 10 mesi hanno già quadruplicato l'attuale Guinness World Record per il viaggio più lungo in scooter e sidecar. Lo stanno facendo per aumentare la consapevolezza della schiavitù moderna e del traffico di esseri umani - li abbiamo incontrati per scoprire perché ...

Unisciti a Matt e Reece per la sessione di domande e risposte su Facebook in diretta venerdì 31 agosto alle 2:00 EDT. 

Cosa ti ha ispirato a iniziare questo viaggio?

Bene, abbiamo iniziato a pensare a come le decisioni che abbiamo preso a casa influenzassero le persone in tutto il mondo. Avevamo sentito parlare di laboratori sfruttati e altre forme di lavoro forzato e di come stavamo contribuendo alla sofferenza con le cose che abbiamo comprato. Poi ci siamo resi conto che anche se sapevamo che stavamo contribuendo a questo, abbiamo continuato a fare acquisti negli stessi posti e abbiamo preso le stesse decisioni - perché? Non sembrava abbastanza reale. Eravamo troppo occupati nelle nostre vite normali. Non era in prima linea nelle nostre menti. Era troppo lontano da casa.

 Quindi, abbiamo pensato di dover fare qualcosa per renderlo reale per noi stessi e per tutti a casa. In questo modo il nostro processo decisionale cambierebbe e sosterremo le organizzazioni che combattono la schiavitù, non la sosterremo. Non avevamo idea di come farlo, ma abbiamo pensato che se potessimo letteralmente guidare verso persone che erano sopravvissute alla schiavitù moderna, o coloro che la stavano combattendo, in tutto il mondo, allora avremmo potuto mostrare quanto fosse vicino a casa il problema.

 Allo stesso tempo, abbiamo pensato che se avessimo potuto farlo sul veicolo più ridicolo immaginabile, più persone avrebbero seguito il nostro viaggio e sarebbe stato molto chiaro quanto fosse vicino a casa il problema.

Come hai conosciuto la schiavitù moderna?

Bene, quando abbiamo iniziato a pianificare il progetto sapevamo qualcosa sulla schiavitù moderna, ma non avevamo idea della sua portata. Non avevamo idea di quanto sia diffuso. Che è in ogni paese della terra, incluso il Regno Unito, o che ci sono oltre 40 milioni di persone ridotte in schiavitù. Questo ci ha assolutamente sbalorditi e ci ha reso ancora più appassionati di unirci alla lotta contro di essa. Ora, a 2 anni dal nostro progetto, stiamo ancora imparando a conoscere la schiavitù ogni giorno.

Con ogni paese in cui andiamo e con ogni organizzazione che incontriamo, apprendiamo un nuovo modo o un nuovo luogo in cui esiste questo orribile abuso dei diritti umani.

Hai incontrato casi di schiavitù durante il tuo viaggio?

Si molto. In primo luogo, lo cerchiamo attivamente. Visitiamo organizzazioni che lo combattono e cerchiamo di imparare il più possibile sulla situazione in cui si trovano. Abbiamo parlato con organizzazioni in tutto il mondo, comprese le organizzazioni con cui Freedom United lavora come HAART Kenya.

In secondo luogo, parliamo di schiavitù assolutamente ovunque andiamo. Non possiamo non farlo. Dopo aver scoperto che stiamo guidando lo scooter e il sidecar in giro per il mondo, la prima domanda di tutti è: "Perché? Diciamo loro che è per aumentare la consapevolezza della schiavitù moderna e poi parliamo immediatamente di cosa sia la schiavitù moderna. Abbiamo avuto migliaia di conversazioni al riguardo, ma una si è davvero distinta.

Stavamo uscendo in un centro comunitario ad Atene, cercando di incontrare alcune persone del posto mentre aspettavamo di spedire la bici in Egitto, e abbiamo chiacchierato con una signora di nome Click. Le abbiamo detto cosa stavamo facendo e lei ha detto "Oh, una volta ero una schiava"! Non potevamo crederci.

Qui stavamo cercando di trovare enti di beneficenza con cui parlarne e lottando per incontrare qualcuno, poi dal nulla lei ha semplicemente detto "Sì, ero una schiava".

Era molto felice di condividere la sua storia e cerca di raccontarla alla gente il più possibile per cercare di aiutare gli altri che potrebbero vivere in schiavitù. L'abbiamo incontrata per una tazza di tè il giorno dopo e ci ha raccontato la sua storia di vita. Di come aveva trascorso la sua giovinezza come guerrigliera nello Zimbabwe, di come suo marito era stato assassinato e di come era stata ridotta in schiavitù in Grecia, mentre cercava un lavoro migliore con cui mantenere i suoi figli.

Poi ci ha raccontato come è scappata e come ha passato un po 'di tempo a strappare letteralmente altre persone dalla schiavitù. In effetti, ci sono stati due film su di lei e lei ha fatto un discorso a TEDx sulla sua vita non molto tempo fa - puoi leggere di lei sul nostro sito.

Ma essenzialmente, sì, se inizi davvero a guardare, non puoi non incontrarlo. Allo stesso tempo, però, dobbiamo aver superato così tante persone che sono intrappolate e rimangono completamente invisibili, anche a coloro che stanno guardando.


Matt e Reece faranno un Facebook live Q&A sul loro progetto su il nostro feed di Facebook venerdì 31 agosto. Quindi, prepara le tue domande e unisciti a noi per una chat! Puoi scoprire di più sul folle viaggio intorno al mondo di Matt e Reece seguendo i loro progressi pagina Facebook o visitando il loro sito web www.AsSeenFromTheSidecar.org.

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Tes B. Choa
Tes B. Choa
anni fa, 5

Sono un Soroptimist. Ogni club nelle Filippine adotta uno sportello per donne e bambini nel distretto di polizia più vicino al proprio club. Ci coordiniamo con il capo della poliziotta e il suo staff che amministra questa divisione. I casi trattati sono stupro, incesto, reclutamento illegale, prostituzione forzata e percosse delle mogli. Abbiamo esercitato pressioni sulla magistratura in modo che i bambini che raccontano le loro orribili storie in tribunale non siano presenti con giornalisti e fotografi che si aggiungono al trauma del bambino.

La sezione settimana

Il “Patto sulla migrazione” che potrebbe significare la fine dei diritti umani nell’Ue

Dopo quasi un decennio di deliberazioni, il Parlamento europeo ha recentemente approvato una revisione radicale delle norme dell’Unione europea in materia di asilo e migrazione con il cosiddetto “Patto sulla migrazione” che, secondo i sostenitori, porterà ad un aumento delle violazioni dei diritti umani, compreso lo sfruttamento estremo. Secondo Al Jazeera, figure di spicco dell’UE come il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il commissario europeo per gli affari interni Ylva Johansson credono in queste riforme

| Mercoledì aprile 10, 2024

Per saperne di più