Agire contro il lavoro forzato imposto dallo Stato

Agire contro il lavoro forzato imposto dallo stato

1
Lavoro forzatoSupply Chain

La direttrice esecutiva di Freedom United, Joanna Ewart-James, ha parlato al vertice 2021 di affari e diritti umani dell'UN Global Compact Network UK, dove ha esplorato come alcuni sistemi di lavoro forzato sono organizzati dai governi, incorporando il lavoro forzato nei nostri sistemi economici e creando una dipendenza dallo sfruttamento .

I sistemi di lavoro forzato imposto dallo stato significano che le aziende non possono fare affidamento sui governi per il rispetto dei diritti umani: le imprese stesse devono interrogare le loro catene di approvvigionamento e assumersi la responsabilità degli abusi dei diritti. Se ti sei perso l'evento, puoi leggere la presentazione di Joanna Ewart-James di seguito.

 

Molte persone pensano alla schiavitù moderna come distinta dalla schiavitù storica, ma purtroppo se guardiamo più da vicino, i legami sono ininterrotti. All'epoca in cui la schiavitù fu abolita, i trattati delle Nazioni Unite erano pieni di eccezioni per la schiavitù nelle colonie, dimostrando quanto fosse importante il lavoro forzato per l'economia globale di allora, e questa ammissibilità è ancora sostenuta da altri oggi.

Esaminerò un paio di esempi per dimostrare che invece di essere perpetrato solo da criminali, i governi e molti altri beneficiano ancora dello sfruttamento di persone sotto la minaccia della minaccia, della pena o della punizione.

Oggi, il lavoro forzato imposto dallo stato degli uiguri e di altre persone in quella regione appartenenti a gruppi etnici, culturali e religiosi, dal governo cinese è molto più noto. Si stima che dal 2017 oltre un milione siano stati detenuti nei cosiddetti campi di rieducazione, sia all'interno che all'esterno della Regione uigura. In questi campi sono costretti a lavorare il cotone - la regione uigura costituisce l'84% dell'offerta cinese - ea fabbricare indumenti e altri beni.

Freedom United, come parte della Coalition to End Forced Labour nella regione uigura, chiede ai marchi di impegnarsi a uscire dalla regione e rimuovere i loro collegamenti a questo sistema. La pressione sta aumentando con il governo cinese che cerca di intimidire i marchi che hanno rilasciato dichiarazioni che denunciano questo orribile sistema di abusi attraverso ritorsioni commerciali.

Ovviamente, con una parte significativa dell'economia basata sullo sfruttamento, questo cambiamento farà male. È assolutamente fondamentale che le aziende non si pieghino a questo bullismo e minacce.

Con la lunga visione della storia - che si tratti del sistema di apartheid in Sud Africa o dell'olocausto ebraico, sappiamo che un sistema economico sostenuto in questo modo non può mai essere accettabile. I consumatori non vogliono comprare vestiti fatti sul retro del genocidio. Questa è una prova morale. E non è l'unico esempio.

La campagna del cotone ha chiesto la fine del sistema di lavoro forzato sponsorizzato dallo stato in Uzbekistan da oltre un decennio. E stiamo iniziando a vedere risultati positivi. Da allora il governo ha dichiarato che il lavoro forzato non è accettabile, ma smantellare un sistema così integrato nell'economia non è facile.

C'è stata tuttavia una massiccia riduzione del numero di mobilitazioni negli ultimi anni. Un calo significativo dell'ultimo raccolto, ironia della sorte, è in parte dovuto alla pandemia che ha impedito ai lavoratori di cogliere migliori opportunità all'estero, ma anche perché è stata aumentata la paga per i raccoglitori di cotone.

Tuttavia, alcuni funzionari del governo regionale in alcune regioni stanno ancora mobilitando con la forza i dipendenti di imprese pubbliche, organizzazioni, banche e servizi di emergenza.

Dobbiamo ancora assistere a progressi simili in Turkmenistan, anch'esso un importante produttore di cotone. L'analisi del raccolto del 2020 ha mostrato che la mobilitazione forzata di dipendenti, coscritti e studenti del settore pubblico era endemica. Le sanzioni andavano dalla minaccia di licenziamento, ai disciplinari o all'espulsione da scuole e college.

Il cotone del Turkmenistan viene esportato in tutto il mondo per entrare nelle catene di approvvigionamento globali. Si ritiene che rappresenti circa il 15% del cotone importato in Turchia, un paese che nel 15 ha esportato nell'UE quasi 2018 miliardi di euro di tessuti e prodotti tessili.

Se acquisti dalla Turchia, devi indagare e interrogare l'origine del cotone nei tuoi prodotti per essere sicuro di non essere inavvertitamente complice del lavoro forzato imposto dallo stato.

Questo mi lascia solo il tempo per menzionare i nostri sforzi per porre fine al sistema di lavoro di leva forzato in Eritrea. L'accordo di pace firmato con l'Etiopia nel 2018 ha fatto poco per limitare l'uso da parte del governo della coscrizione forzata a tempo indeterminato nell'esercito.

Con pochi combattimenti da fare, il governo ha trovato un grande profitto nel mettere in campo coscritti a settori economici che vanno dall'edilizia, all'agricoltura o persino a progetti con ingenti investimenti stranieri. L'allora azienda mineraria canadese Nevsun Resources Ltd che, insieme a un'impresa statale ha stabilito la miniera di Bisha, ha beneficiato dell'uso del lavoro di leva forzato.

Un caso promosso dalle vittime risolte in un tribunale canadese per una somma non divulgata lo scorso anno evidenzia che, sebbene nei paesi in cui questa pratica non è solo tollerata ma effettivamente imposta, non la rende accettabile o giusta, né fornisce copertura dagli standard internazionali.

Per concludere, ti invito a saperne di più su ciò che sta accadendo, su freedomunited.org e altre fonti, e dare un'occhiata più da vicino alle tue valutazioni del rischio e assicurarti che tu o la tua azienda non stiate beneficiando del lavoro forzato imposto dallo stato.

Sono quasi fuori tempo, ma purtroppo non sono a corto di esempi di come gli affari rispettabili possano essere collegati al lavoro forzato imposto dallo Stato. I lavoratori nordcoreani sono stati spediti dai loro governi ad aziende di tutto il mondo per portare valuta forte di cui avevano tanto bisogno.

I dettagli sulla portata di questa pratica sono difficili da ottenere, ma la ricerca ha rivelato che la scala è globale: dagli allevamenti di pomodori e cantieri navali in Polonia, alla produzione di scarpe e ai tessuti nella Repubblica Ceca, attraverso la Russia e raggiungendo diversi paesi del continente africano. .

Purtroppo, fare affidamento sulla responsabilità dello Stato di rispettare i diritti umani è del tutto inadeguato per le imprese per garantire il rispetto dei diritti umani.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Robert Walker
Robert Walker
1 anno fa

Non dimenticare di menzionare il lavoro carcerario negli Stati Uniti.