Porre fine alla schiavitù in Mauritania - FreedomUnited.org

Azione di potere contro la schiavitù in Mauritania

Biram Dah Abeid è uno dei principali attivisti contro la schiavitù in Mauritania, il paese con la più alta prevalenza di schiavitù nel mondo1. L'organizzazione da lui fondata, l'Iniziativa per la rinascita del movimento abolizionista2 ha lottato per la libertà di innumerevoli uomini, donne e bambini.

La Mauritania ha messo fuori legge completamente la schiavitù nel 2007, ma non è riuscita sistematicamente a porvi fine nella pratica, e la schiavitù basata sulla discendenza rimane profondamente radicata nella società mauritana, così radicata che un attivista ha riferito che "[p] la gente pensa che Dio li ha creati per essere schiavi".1

I popoli arabo-berberi, che rappresentano una minoranza della popolazione, ma dominano politicamente ed economicamente, hanno a lungo ridotto in schiavitù gli Haratine di origine sub-sahariana per occuparsi del bestiame e lavorare in casa, e la pratica continua ancora oggi con la "proprietà" tramandato attraverso le famiglie.2

Secondo alcune stime fino al 18% della popolazione è ridotta in schiavitù,3 sopportando lunghi giorni senza paga insieme a traumatiche violenze fisiche e sessuali mentre sono costretti a eseguire gli ordini dei loro padroni.

Spetta ad attivisti come Biram lottare per la libertà delle persone e devono affrontare molestie regolari, persino la prigione durante le loro campagne. Membri del pubblico che protestavano contro la loro prigionia sono stati accolti con la violenza della polizia.4

Freedom United ha lavorato con i partner per creare un'enorme ondata di pressione internazionale sul governo della Mauritania per dare priorità alla fine della schiavitù e fermare le molestie degli attivisti anti-schiavitù. La nostra campagna con le nostre organizzazioni partner in Mauritania e oltre ha visto Biram rilasciato dalla detenzione. Abbiamo radunato i sostenitori di Freedom United per:

  • inviare 233,544 messaggi al presidente della Mauritania Mohamed Ould Abdel Aziz e al ministro della giustizia Dia Moctar Malal
  • sostenere il nostro lettera di coalizione al ministro della Giustizia, Dia Moctar Malal, esortandolo ad ascoltare le nostre preoccupazioni ea dare ad Abeid un giusto processo
  • inviare 1,295 messaggi al Commissario per i diritti umani della Mauritania
  • precedente la dichiarazione del nostro partner esortando il Segretario generale delle Nazioni Unite a premere per il rilascio di Abeid
  • effettuare 694 chiamate alle ambasciate della Mauritania
  • indirizza 13,212 messaggi ai membri del Parlamento europeo
  • raccogliere 4,800 USD per un osservatore indipendente del processo
  • inviare 4,768 messaggi a Biram in prigione.

Freedom United ha anche chiesto giustizia per Moussa Bilal Biram e Abdellahi Matalla Saleck. Due membri del consiglio di Resurgence of the Abolitionist Movement, sono stati catturati nella capitale Nouakchott durante un giro di vite sulla campagna anti-schiavitù e detenuti in una prigione remota, a 1,200 km di distanza nel deserto del Sahara, dove non hanno potuto accedere a consulenza legale o supporto familiare. Freedom United ha riunito una coalizione di organizzazioni partner per alimentare la richiesta di giustizia e Moussa e Abdellahi sono stati infine rilasciati.

C'è poco spazio politico in Mauritania per fare campagne per il cambiamento della discriminazione di lunga data che lascia alcune comunità legate alla schiavitù basata sulla discendenza. Unendoci insieme possiamo rendere la fine della schiavitù al centro dell'attenzione internazionale sulla Mauritania, sostenendo gli attivisti e creando la volontà politica all'interno del governo di intraprendere un cambiamento significativo.

  • Febbraio 28, 2020: Rinnoviamo il nostro appello per porre fine alla schiavitù in Mauritania e fermare le molestie contro i manifestanti contro la schiavitù. 

  • Dicembre 31, 2018: Dopo azioni dall'inizio 233,549 membri della comunità Freedom United, Abeid viene finalmente rilasciato dalla prigione la notte di Capodanno. Leggi il nostro rapporto sul campo qui.

  • Dicembre 10, 2018: Freedom United sostiene una dichiarazione dei nostri partner presso The Abolition Institute che esorta il Segretario generale delle Nazioni Unite a chiedere il rilascio di Abeid

  • Ottobre 15, 2018: Freedom United consegna una lettera in coalizione con i nostri partner al ministro della Giustizia, Dia Moctar Malal, sollecitando un trattamento equo dell'attivista contro la schiavitù Biram Dah Abeid

  • Jluglio 12, 2018: Moussa Bial Ho scelto e Abdellahi Matalla Saleck, due eminenti attivisti contro la schiavitù, vengono rilasciati da la loro detenzione in una remota prigione nel deserto a Bir Moghrein con il supporto di oltre 32,000 membri della comunità di Freedom United. Leggi il nostro rapporto sul campo per saperne di più, clicca qui.

  • 08 nov 2014: Lanci della campagna

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
5 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Andrew (Andy) Alcock
Andrew (Andy) Alcock
anni fa, 2

Nel 21 ° secolo, è inaccettabile che i leader politici permettano la schiavitù e le violazioni dei diritti umani. Fino a quando la Mauritania non risolverà questi problemi, è del tutto inaccettabile che sia membro della Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Dott. Ayo Maat
anni fa, 2

Uniti nel pensiero per la libertà in Mauritania

Brendan
Brendan
8 mesi fa

Non mi sento di giudicare Judy, ma 21 persone su mille sono dei matti. Io non vivo lì. No.

giovanni bestevaar
giovanni bestevaar
anni fa, 2

La disuguaglianza di potere è alla base della schiavitù. Quindi solo la Cina può salvare il mondo dalla schiavitù.

Claudio
anni fa, 2

Expulsar a Mauritania de la ONU, o de sus organismos principales…., Hasta que no se elimine la esclavitud por completo y de verdad… ..
Serà bueno proponer la creaciòn de asentamientos rurales autosuficientes, para que las poblaciones màs castigadas puedan hacer una nueva Vida….
El gobierno de Mauritania, puede apoyar estas iniciativas, y asì ayudar a cambiar el rumbo de su paìs….
Molte grazie!

Porre fine alla schiavitù in Mauritania

Aiutaci a raggiungere 250,000 azioni
219,223

Gentile Presidente e Ministro della Giustizia,

Vi invito a sostenere gli attivisti contro la schiavitù, incluso Biram Dah Abeid.

La Mauritania deve porre fine alle vessazioni degli attivisti contro la schiavitù e adottare misure positive per abolire completamente la schiavitù.

Freedom United lo farà proteggere la tua privacy mentre ti aggiorno su campagne, notizie e storie sulla schiavitù moderna.

Attività recenti

  • Bobbee M.,
  • Jane B.,
  • Kate D.,
  • Rachele A.,
  • Carol C.,
  • Martin P.,
  • Susanna W.,
  • Isabella M.,
  • Wes K.,
  • Cinzia P.,

Partner della campagna

Invia ad un amico