Abolire la schiavitù carceraria negli Stati Uniti - FreedomUnited.org

Modifica il 13: schiavitù fuorilegge negli Stati Uniti

Modifica il 13

Fai sentire la tua voce

Condividi questa petizione

Siamo nel 2024 e la schiavitù e la servitù involontaria sono ancora legali negli Stati Uniti. Guarda una discussione su questo argomento qui.

Approvato dal Congresso il 31 gennaio 1865, il 13th L'emendamento della costituzione degli Stati Uniti mirava ad abolire la schiavitù, ma in realtà l'emendamento ha consentito alla schiavitù di rimanere legale.

La sezione I dell'emendamento recita:  

"Né la schiavitù né la servitù involontaria, salvo che come punizione per il crimine di cui la parte deve essere stata debitamente condannata, deve esistere negli Stati Uniti o in qualsiasi luogo soggetto alla loro giurisdizione. "1

La schiavitù carceraria non è mai la risposta

La "clausola di eccezione", nota anche come clausola di punizione, ha reso possibile l'utilizzo della schiavitù come metodo di punizione, consentendo al governo di sottoporre legalmente le persone incarcerate negli Stati Uniti lavoro forzato. Ma ciò che è legale non è ciò che è giusto. 

Persone detenute esposte alla schiavitù carceraria o lavoro carcerario forzato sono costretti a lavorare per la perdita di privilegi, visite, buoni guadagni, accesso al commissariato o minaccia di isolamento e persino di essere colpito con il taser secondo una causa.2

Il Congresso ha la possibilità di porre fine alla schiavitù legale

Questo è il motivo per cui chiediamo agli stati e al Congresso degli Stati Uniti di abolire il Clausola punitiva nelle costituzioni statali e modifica della 13th Emendamento. 

La clausola punitiva non è solo un'evidente colpa della Costituzione degli Stati Uniti: diverse costituzioni statali contengono un linguaggio identico. Iniziando con Colorado, Utah e Nebraska, molti stati stanno mirando a colpire il Punizione Clausola delle loro costituzioni statali.  

Nel 2022, Vermont, Alabama, Tennessee e Oregon, attraverso il successo dei referendum elettorali di medio termine, hanno introdotto emendamenti per rimuovere la clausola punitiva dalle loro costituzioni statali o aggiungere un linguaggio per vietare esplicitamente la schiavitù o la servitù involontaria come punizione per un crimine.3

Se più stati rimuovono la clausola punitiva dalle loro costituzioni statali, ciò creerà un effetto domino per gli altri stati che seguiranno il loro esempio, oltre ad aumentare le possibilità dell'emendamento sull'abolizione - prevista per essere reintrodotta quest'anno - di passaggio attraverso il Congresso degli Stati Uniti 

Le lavoro forzato Indicatori

Il lavoro forzato nelle carceri è spesso integrato nei programmi di "riabilitazione" o "educativi". Molti di coloro che sono incarcerati riferiscono di essere stati minacciati di isolamento o di pene più lunghe se si rifiutano di lavorare. Inoltre, le persone incarcerate spesso non vengono pagate affatto per il loro lavoro o solo pochi centesimi, lasciandoli quasi senza risparmi per aiutarli a rientrare nella società dopo il rilascio. 

Nel 2017, Prison Policy Initiative ha segnalato persone incarcerate sembrano essere pagati meno di quanto non fossero nel 2001. Il rapporto afferma: “Cosa è cambiato? Almeno sette stati sembrano aver abbassato il loro stipendio massimo e la Carolina del Sud non paga più gli stipendi per la maggior parte dei normali lavori in carcere, incarichi che nel 4.80 pagavano fino a $ 2001 al giorno. Con poche rare eccezioni, i lavori regolari in una prigione sono ancora non pagati in Alabama , Arkansas, Florida, Georgia e Texas ".4

Secondo l'Internazionale Lavoro Organizzazione, sotto il 1930 Forced Lavoro Convenzione n. 29 lavoro forzato è un lavoro svolto involontariamente sotto minaccia di minaccia o pena. Questo vale anche per il lavoro carcerario, il che significa che i salari devono essere paragonabili a quelli dei lavoratori liberi con competenze simili che non sono incarcerati. 5

Le Clausola punitiva è stato un flagello per gli Stati Uniti per oltre 100 anni, creando un incentivo economico per inclancinante incarcerazione e sfruttando persone incarcerate come fonte di manodopera a basso costo.6 Come spiega il senatore Merkley, sponsor dell'emendamento sull'abolizione, il Clausola punitiva ha creato un incentivo finanziario per l'incarcerazione di massa nel corso della storia, rivolti alle comunità di colore in particolare:

A seguire Con la ratifica del 13 ° emendamento, inclusa la clausola di punizione, nel 1865, le giurisdizioni meridionali arrestarono un gran numero di neri americani per crimini minori, come il vagabondaggio o il vagabondaggio, codificati nei nuovi "codici neri", che furono applicati solo ai neri americani. La clausola punitiva è stata quindi utilizzata dagli sceriffi per affittare individui imprigionati per lavorare i campi dei proprietari terrieri, che in alcuni casi includevano le stesse piantagioni in cui avevano stato ridotto in schiavitù. La pratica crebbe in prevalenza e portata al punto che, nel 1898, il 73% delle entrate statali dell'Alabama proveniva dall'affitto del lavoro forzato dei neri americani. 

la Pratica è cresciuto in prevalenza e portata al punto che, nel 1898, il 73% delle entrate statali dell'Alabama proveniva dall'affitto del lavoro forzato dei neri americani. La clausola punitiva facilita e incentiva le condanne per reati minori ha continuato a guidare , il ancora-incarcerazione di  Neri americani tutto l'  Era di Jim Crow.7

Unisciti al movimento

Gli Stati Uniti devono fare i conti con le ingiustizie subite dalle persone incarcerate confermate dalla clausola punitiva. Allo stesso tempo, riconosciamo che questo è un primo passo per affrontare la miriade di altre leggi statali e federali che escludono le persone incarcerate dal salario minimo e dalla protezione dei diritti del lavoro, nonché la necessità di settore pubblico e privato a disinvestire da strutture che sottoporre le persone incarcerate a grave sfruttamento lavorativo.8

Unisciti a noi nel chiedere a tutti gli stati e al governo federale di bandire esplicitamente la schiavitù e la servitù involontaria come punizione per un crimine negli Stati Uniti e nelle costituzioni statali: metti fine alla clausola punitiva negli Stati Uniti! Puoi scrivere direttamente al tuo legislatore esortandolo a sostenere l'emendamento di abolizione qui!

  • Febbraio 2, 2024: Una nuova analisi costi benefici ritiene che la modifica del 13° emendamento della Costituzione degli Stati Uniti si tradurrebbe in benefici economici per la società in generale, sfatando il mito delle autorità secondo cui gli stati “non possono permettersi” di porre fine alla schiavitù carceraria.

  • Gennaio 29, 2024: Una nuova ricerca di The Associated Press svela gli intricati legami che collegano alcune delle più grandi aziende alimentari del mondo al lavoro forzato nelle carceri statunitensi

  • Novembre 8, 2023: Un gruppo di adolescenti del Kentucky lo è cercando di cambiare la costituzione del loro stato porre fine alla schiavitù carceraria.

  • Ottobre 4, 2023: Nel New Jersey, con il sostegno di Freedom United, il consiglio dei commissari della contea di Essex Ha approvato una risoluzione invitando il Senato e la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ad approvare una risoluzione congiunta per eliminare la clausola punitiva dalla Costituzione degli Stati Uniti.

  • Kevin Bale

    Kevin Bale è professore di schiavitù contemporanea presso l'Università di Nottingham e autore principale del WalkFree Global Slavery Index. È il co-fondatore dell'ONG Free the Slaves. Il suo libro Gente disponibile: nuova schiavitù nell'economia globale pubblicato nel 1999, è stato nominato per il Premio Pulitzer ed è stato nominato dall'Associazione delle università britanniche come una delle "100 scoperte che cambiano il mondo". Il documentario basato sul suo lavoro, che ha co-scritto, Schiavitù: un'indagine globale, ha vinto il Peabody Award nel 2000 e due Emmy Awards nel 2002. Ha fornito consulenza ai governi statunitense, britannico, irlandese, norvegese e nepalese, nonché al Parlamento europeo in materia di traffico e schiavitù.

  • Luis C.deBaca

    Luis C.deBaca è un avvocato e diplomatico che in precedenza ha ricoperto il ruolo di ambasciatore degli Stati Uniti per monitorare e combattere la tratta di persone, coordinando le attività del governo degli Stati Uniti nella lotta globale contro le forme contemporanee di schiavitù. Uno dei procuratori federali più decorati degli Stati Uniti, C.deBaca ha aggiornato gli statuti post-guerra civile e il 13° emendamento per sviluppare un “approccio centrato sulla vittima” alla schiavitù moderna, che è diventato lo standard globale per combattere la tratta di esseri umani.

  • E.Benjamin Skinner

    E.Benjamin Skinner è il Fondatore e Principale di Trasparente. In precedenza, è stato Senior Fellow presso lo Schuster Institute for Investigative Journalism della Brandeis University. Il suo primo libro, A Crime So Monstrous: Face-to-Face with Modern-Day Slavery (Free Press; 2008), ha ricevuto il Dayton Literary Peace Prize 2009 per la saggistica ed è stato finalista per il Ryszard Kapuscinski International Award per il reportage letterario nel 2011.

  • Diane Orentlicher

    Diane Orentlicher è professore di diritto internazionale presso l'American University. Ha tenuto conferenze e pubblicato ampiamente su questioni di giustizia di transizione e diritto penale internazionale e ha testimoniato davanti al Congresso degli Stati Uniti su una serie di questioni relative sia alle leggi nazionali sui diritti umani che alla politica estera degli Stati Uniti. Posizioni precedenti includono Deputato per le questioni relative ai crimini di guerra presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti; Esperto indipendente delle Nazioni Unite sulla lotta all'impunità e consigliere speciale dell'Alto Commissario per le minoranze nazionali dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

Entra e aiuta a finire il moderno schiavitù una volta per tutte.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
129 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Elisabetta S. Lowell
Elisabetta S. Lowell
anni fa, 2

La "clausola punitiva" nella nostra Costituzione è una scappatoia abbastanza grande da far passare un Tyrannosaurus Rex. Quella scappatoia deve essere chiusa.

Dara
Dara
anni fa, 2
Rispondi a  Gerry

Ti rendi conto che se ricevessero un salario equo, potrebbero quindi pagare le tasse e sostenere l'economia nel suo insieme, oltre ad aiutare le loro famiglie che NON sono incarcerate. Inoltre, credi che, poiché qualcuno commette un errore, dovrebbe diventare uno schiavo legale? Lavorare per vivere NON è avere una vacanza sulle nostre tasse. NON pagarli significa risucchiare i dollari delle tasse americane. Stiamo pagando i conti, mentre le società guadagnano trilioni di dollari all'anno. Matematica di base, non è così complicato. Pagano anche di più per la mensa rispetto a quello che facciamo noi... Per saperne di più »

Ian Gemmell
Ian Gemmell
anni fa, 2
Rispondi a  Gerry

Non ho difficoltà con i prigionieri che restituiscono alla comunità. Essere sfruttati da interessi commerciali è un'altra cosa.

Archie1954
Archie1954
anni fa, 2

Una rosa con qualsiasi altro nome…..! Questo "accordo" è in realtà una schiavitù e non dovrebbe essere tollerato dal popolo americano.

Connie
Connie
anni fa, 2

Pagare ai lavoratori un salario di sussistenza per due motivi: 1) così la famiglia non dovrà inviare il commissario per gli integratori alimentari e i bisogni primari della vita che i detenuti non ricevono dal sistema, e 2) così i detenuti possono aiutare a sostenere le famiglie che dipendevano economicamente da loro, quindi non devono fare affidamento sul sistema di welfare. Poiché molti dei detenuti sono stati costretti a patteggiare per crimini che non hanno effettivamente commesso, ciò impedisce alle famiglie dei detenuti di dedicarsi al crimine per sopravvivere

Rimuovere la schiavitù dalla Costituzione degli Stati Uniti

246,494

Aiutaci a raggiungere quota 250,000

Gli Stati Uniti devono mettere fuori legge la schiavitù una volta per tutte eliminando la "clausola di eccezione", nota anche come "clausola di punizione", dalla Costituzione degli Stati Uniti e dalle costituzioni statali. La clausola punitiva è stata un flagello per gli Stati Uniti per oltre 100 anni, creando un incentivo economico per aumentare i tassi di incarcerazione e utilizzando le persone incarcerate come fonte di lavoro a basso costo e sfruttabile.  

Chiediamo a tutti gli stati di mettere fuori legge esplicitamente la schiavitù e la servitù involontaria come punizione per un crimine e al Congresso degli Stati Uniti di approvare l'emendamento sull'abolizione per eliminare la clausola di punizione dal 13th Modifica della costituzione degli Stati Uniti. 

*Sono state raccolte 222,369 azioni dal nostro partner End the Exception.

Freedom United lo farà proteggere la tua privacy mentre ti aggiorno su campagne, notizie e storie sulla schiavitù moderna.

Ultima attività
  • Ultima attività
    Cassandra H.
  • Ultima attività
    Kathryn P.
  • Ultima attività
    Elena F.