COVID-19: Proteggi sopravvissuti e migranti dagli effetti della pandemia - FreedomUnited.org

COVID-19: Richiesta di accesso per l'assistenza sanitaria ai sopravvissuti e ai migranti

Guarda la nostra discussione che espone i divari tra gli standard internazionali e le esperienze vissute di schiavitù moderna protezione.

La crisi COVID-19 sta mettendo a nudo le lacune nella protezione che esistono per schiavitù moderna sopravvissuti e migranti a rischio in tutto il mondo.

Durante questa pandemia globale, molti schiavitù moderna sopravvissuti e migranti vulnerabili non possono accedere in sicurezza all'assistenza sanitaria e al sostegno del governo. L'ONU ha affermato che l'attuazione di misure nazionali inclusive per tutti è cruciale per un'efficace prevenzione e protezione contro la schiavitù.1 2 Ma per coloro che non hanno il diritto legale di rimanere in un paese, l'accesso all'assistenza medica non è possibile o viene fornito con la minaccia di detenzione e deportazione.

Questo mezzo traffico vittime, persone in cerca di asilo e migranti privi di documenti sono costretti a sacrificare la propria salute per paura della deportazione e questo è inconcepibile, in particolare durante una crisi sanitaria globale. Riteniamo che la ricerca di test e assistenza per COVID-19 non dovrebbe mettere nessuno a rischio di ritorsioni.

Le politiche di autoisolamento e allontanamento sociale in atto in numerosi paesi non sono sufficienti per proteggere schiavitù moderna vittime e migranti vulnerabili dalla diffusione del virus o dal rischio di traffico. È diventato sempre più evidente che essere in grado di seguire misure di allontanamento sociale significa essere in una posizione di privilegio.3

È necessario attuare con urgenza misure più complete per garantire coloro che sono intrappolati schiavitù moderna è garantito l'accesso all'assistenza governativa. È probabile che queste persone lo facciano vivono in condizioni squallide, o isolati al chiuso con i loro trafficanti, con scarso accesso alle strutture igieniche e non sono in grado di smettere di lavorare sotto la minaccia di rappresaglie da parte dei loro trafficanti. Per i migranti a basso reddito senza il diritto legale al lavoro, osservare le politiche di allontanamento sociale potrebbe non essere un'opzione in quanto sono spinti a cercare un lavoro potenzialmente sfruttatore per sopravvivere.

I lavoratori migranti in tutto il mondo hanno perso il lavoro a causa del COVID-19. Di fronte alla miseria, la necessità di sopravvivenza economica li spinge verso lavori precari dove il rischio di sfruttamento è alto. I lavoratori migranti che perdono il lavoro a causa del COVID-19 non devono essere esclusi dall'indennità di licenziamento e dalla certezza che potranno rimanere in sicurezza e legalmente nel Paese in un momento in cui i viaggi sono ad alto rischio. Con l'accesso agli aiuti del governo, come il sostegno alla disoccupazione, i lavoratori sarebbero in grado di rimanere a casa, proteggendo se stessi e la propria comunità dall'esposizione a COVID-19 e impedendo loro di assumere un impiego di sfruttamento che potrebbe ammontare a schiavitù moderna.

Migranti a rischio, come i lavoratori domestici e schiavitù moderna le vittime che non hanno il diritto legale di rimanere in un paese non sono sufficientemente protette secondo le leggi nazionali. I lavoratori domestici sono uno dei gruppi di lavoratori meno protetti dalle leggi nazionali - i lavoratori domestici migranti lo sono ancora di più.4 In uno stato di blocco imposto da molti paesi durante la pandemia COVID-19, i lavoratori domestici migranti, alcuni dei quali privi di documenti, sono a rischio di sfruttamento a porte chiuse, inclusa la minaccia di violenza, trattenuta del salario, nessun giorno di riposo e o abuso sessuale. Anche la salute mentale e fisica di coloro che sono costretti ad autoisolarsi con i propri datori di lavoro rischia di peggiorare gravemente.5

Le repressioni e le incursioni contro i lavoratori migranti a basso reddito durante il COVID-19 sono allarmanti. È stato recentemente riferito che dozzine di lavoratori migranti in Qatar sono stati detenuti e deportati con il pretesto di essere sottoposti a test per COVID-19.6 Alcuni di questi lavoratori hanno riferito di essersi sentiti intenzionalmente fuorviati dalle autorità, ignari dei pericoli della retata. Nonostante gli fosse stato detto che sarebbero stati portati per essere sottoposti a test per COVID-19, sono invece finiti in anguste celle di prigione dove hanno saputo che sarebbero stati espulsi.

Anche i detenuti immigrati hanno bisogno di aiuto - sappiamo che i centri di detenzione per immigrati sovraffollati negli Stati Uniti non sono sicuri per i detenuti. In una struttura di detenzione ICE in California 140 detenuti sono risultati positivi al COVID-19 e uno è morto, visto "ansimare per l'aria" prima di essere trasferito in un ospedale.7 Anche le condizioni anguste significano questo i centri di detenzione sono un focolaio per la diffusione della malattia e le misure di allontanamento sociale sono quasi impossibili da osservare per i detenuti. Per quelli con problemi di salute sottostanti, questa è una seria minaccia per le loro vite.8

Anche i minori detenuti e gli istituti rischiano di essere trascurati durante questa crisi. Un recente rapporto ha dimostrato che, a partire da maggio 2020, solo 20 paesi hanno rilasciato bambini dalla detenzione per combattere la diffusione del COVID-19 rispetto ai 79 paesi che hanno rilasciato adulti.9 In un istituto penitenziario minorile negli Stati Uniti, quasi la metà dei bambini è risultata positiva per COVID-19. Quando la maggior parte dei bambini detenuti in tutto il mondo non è stata nemmeno condannata per un reato e gli studi dimostrano che le alternative basate sulla comunità sono più economiche ed efficaci,10 i governi devono prendere misure immediate per proteggere i bambini detenuti durante questa globalizzazione pandemia.

Freedom United sostiene l'appello ai governi garantire che tutti i lavoratori migranti, indipendentemente dallo stato di immigrazione, abbiano accesso all'assistenza sanitaria e il sostegno del governo durante la pandemia, assicurando che i diritti umani siano al centro della risposta mondiale al coronavirus.11

L'accesso all'assistenza sanitaria è un diritto umano per tutti, codificato nel diritto internazionale ai sensi del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali.12 Lo ha affermato recentemente l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani "Combattere efficacemente l'epidemia significa garantire che tutti abbiano accesso alle cure e non venga negata l'assistenza sanitaria perché non possono pagarla o per lo stigma".13

Il Portogallo ha già implementato misure per garantire a tutti i migranti nel paese gli stessi diritti dei residenti indipendentemente dallo stato della loro domanda di immigrazione almeno fino al 1 luglio 2020, quindi sappiamo che è possibile.14 Una volta che un individuo presenta la prova di una domanda in corso, avrà accesso al servizio sanitario, al welfare statale e ai permessi di lavoro e di soggiorno. Sosteniamo che queste misure continuino oltre la scadenza proposta.

Misure come queste rappresentano un passo positivo verso la protezione dei sopravvissuti e dei migranti a rischio dallo sfruttamento, ma devono continuare ad essere implementati oltre la pandemia.

Ecco perché chiediamo ai governi mondiali di adottare misure per garantire a tutti schiavitù moderna vittime e quelle a rischio schiavitù moderna compresi i lavoratori migranti privi di documenti, i rifugiati e le persone in cerca di asilo, l'accesso all'assistenza sanitaria e al sostegno del governo - liberi dal rischio di detenzione o deportazione.

Firma oggi la petizione e chiedi ai governi di trattare l'assistenza sanitaria come un diritto umano, non un privilegio, e di proteggere i migranti vulnerabili di fronte a questa pandemia.

Note:

  1. https://www.ohchr.org/en/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=25774&LangID=E
  2. https://www.reuters.com/article/us-health-coronavirus-un-slavery/new-un-envoy-warns-closed-borders-embolden-human-traffickers-idUSKBN22V1L5
  3. https://www.freedomunited.org/news/concerns-for-migrant-workers-in-us-farms-and-meat-plants-as-covid-19-spreads/
  4. https://www.ilo.org/wcmsp5/groups/public/—ed_protect/—protrav/—migrant/documents/briefingnote/wcms_467722.pdf
  5. https://www.amnesty.org/en/latest/news/2020/04/lebanon-migrant-domestic-workers-must-be-protected-during-covid19-pandemic/
  6. https://www.amnesty.org.uk/press-releases/qatar-migrant-workers-tricked-detention-then-expelled-during-covid-19-pandemic
  7. https://www.nbcsandiego.com/news/local/county-health-officials-confirm-first-covid-19-death-at-otay-mesa-detention-center/2320139/
  8. https://www.amnesty.org.uk/press-releases/usa-mass-detention-migrants-poses-massive-threat-safety-new-report
  9. https://www.hrw.org/news/2020/05/14/detained-children-left-out-covid-19-response
  10. https://www.latimes.com/socal/daily-pilot/opinion/story/2020-04-08/commentary-release-nonviolent-juvenile-offenders-from-custody-to-protect-them-from-covid-19
  11. https://www.amnesty.org/en/latest/news/2020/04/lebanon-migrant-domestic-workers-must-be-protected-during-covid19-pandemic/
  12. https://www.ohchr.org/en/professionalinterest/pages/cescr.aspx
  13. https://www.hrw.org/news/2020/03/19/human-rights-dimensions-covid-19-response#_Toc35446586
  14. http://cms.trust.org/item/20200328134943-zahn6
  • Aprile, 2022: Gli Stati Uniti annunciano la fine della loro politica di espulsione legata alla pandemia che ha effettivamente chiuso il sistema di asilo al confine tra Messico e Stati Uniti. Leggi di più.

  • Gennaio 2022:  Freedom United firma la lettera aperta del Consiglio congiunto per il benessere degli immigrati che invita il presidente dell'inchiesta pubblica sulla gestione del COVID-19 da parte del governo del Regno Unito per assicurarsi che le esperienze di tutti i migranti e i sopravvissuti alla tratta, compresi quelli senza status, facciano parte della sua indagine. Firma oggi la lettera aperta.

  • Gennaio 2022: Un nuovo rapporto del Joint Council for The Welfare of Immigrants evidenzia come le politiche sull'ambiente ostile del governo britannico abbiano esacerbato gli effetti della crisi COVID per le persone prive di documenti. Scarica il rapporto qui.

  • Dicembre, 2021: Freedom United si unisce a Status Now 4 All, una campagna che chiede ai governi britannico e irlandese di concedere un permesso di soggiorno indefinito per le persone prive di documenti, indigenti e in procedura legale. Questa misura è fondamentale per garantire ai sopravvissuti alla tratta e ai migranti a rischio il sostegno di cui hanno bisogno per evitare di essere ridotti alla schiavitù moderna. Per saperne di più.

  • Novembre 22, 2021: L'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) pubblica un nuovo rapporto intitolato Bloccati e in un limbo: l'impatto globale del COVID-19 sui diritti e sul reclutamento dei lavoratori migrantiIl rapporto evidenzia come i lavoratori migranti, in particolare quelli impiegati in settori precari a basso salario, siano stati esposti a un maggiore sfruttamento durante la pandemia. Evidenzia inoltre che molti sono stati esclusi dai pacchetti di protezione sociale messi a disposizione dei lavoratori nazionali, come l'assistenza sanitaria di base e le misure di sicurezza del reddito contro improvvise perdite di lavoro e salario.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
22 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
margherita clinch
margherita clinch
2 anni fa

assistenza sanitaria ovunque sia necessaria.

Agnello Tiffany
Agnello Tiffany
2 anni fa

Libera i figli delle persone che cercano rifugio. Lascia i nostri figli ai genitori e chiudi quelle strutture. Allora è il momento di dare loro lo status che sono stati torturati cercando.

Colette
Colette
11 mesi fa

Queste sono persone che probabilmente hanno bisogno di assistenza sanitaria più della persona media nel Regno Unito semplicemente a causa degli abusi che hanno ricevuto! Dovrebbero essere dati!

Margherita Egger
Margherita Egger
10 mesi fa
Rispondi a  Colette

Ben espressa Colette e pienamente d'accordo con te.

Alastair McInnes
Alastair McInnes
11 mesi fa

Situazione scioccante per un paese ricco in cui collocare queste persone povere.

margherita clinch
margherita clinch
2 anni fa

Copertura sanitaria quando necessario

COVID-19: proteggere i sopravvissuti e i migranti dagli effetti della pandemia

Aiutaci a raggiungere 30,000 azioni
23,562

Cari capi di governo:

La pandemia COVID-19 sta colpendo i più vulnerabili più duramente. Sopravvissuti alla schiavitù moderna e migranti vulnerabili che spesso non hanno uno status di immigrazione legale e quindi sono esclusi dalla protezione secondo le leggi nazionali, lasciandoli a rischio di malattia, indigenza, sfruttamento e tratta. Per alcuni, le loro vite sono in pericolo immediato.

Durante questo periodo, ti esortiamo a seguire la guida delle Nazioni Unite¹ e agire per garantire che i più vulnerabili nelle nostre comunità siano adeguatamente protetti dagli effetti del COVID-19. Ciò include garantire a tutti gli adulti e ai bambini i sopravvissuti alla schiavitù moderna ei migranti, indipendentemente dallo stato di immigrazione, per la durata della pandemia:

 

  • avere accesso all'assistenza sanitaria, libero dalla minaccia di detenzione o espulsione
  • avere accesso al welfare statale e al sostegno alla disoccupazione
  • avere accesso ai permessi di lavoro e di soggiorno
  • non vengono sfrattati dalle loro case
  • non sono detenuti o espulsi indipendentemente dallo stato di immigrazione
  • vengono rilasciati o spostati da affollati centri di detenzione per immigrati o centri di rimozione per immigrati, dando la priorità a quelli con condizioni di salute sottostanti

 

Queste misure sono cruciali per garantire che i sopravvissuti siano in grado di riprendersi in modo sostenibile dalle loro esperienze con un sostegno adeguato invece di sperimentare instabilità che possono creare vulnerabilità alla riconversione, e che i migranti a rischio non siano costretti dalla necessità economica a intraprendere un lavoro di sfruttamento e precario che potrebbe equivalere a schiavitù moderna.

 

[1] https://www.ohchr.org/en/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=25774&LangID=E

Freedom United lo farà proteggere la tua privacy mentre ti aggiorno su campagne, notizie e storie sulla schiavitù moderna.

Attività recenti

  • Isabella M.,
  • Hilke H.,
  • Cinzia P.,
  • Anna M.,
  • md j.,
  • camilla maria m.,
  • Gemma J.,
  • Michele M.,
  • Sebastiano R.,
  • Corinna D.,

Partner della campagna

Invia ad un amico