Chiedi trasparenza a Mondelez, Unilever e General Mills

Porre fine allo sfruttamento infantile nel cacao

Fai sentire la tua voce

Condividi questa petizione

Firma la petizione per dire alle aziende del cioccolato di ripulire il loro cacao supply chain ed invitare General Mills, Unilever e Mondelez a essere più trasparenti sul loro approvvigionamento di cacao. Esortare l’UE a obbligare le aziende a farlo pagare ai coltivatori di cacao un reddito dignitoso. Chiama il Il CEO di Starbucks dice la verità sul cacao.

Aziende, stop allo sfruttamento minorile nel cacao!

Schiavitù infantile e lavoro minorile hanno afflitto l'industria del cacao in Costa d'Avorio e Ghana, che producono il 60% del cacao mondiale,per decenni. Nonostante promesse dalle più grandi aziende di cioccolato del mondo per sradicare il problema, le prove rivelano che loro non sono riusciti a raggiungere il loro obiettivo. 1

Chiediamo a 10 delle principali aziende mondiali di cioccolato di compiere passi concreti per affrontare le lacune nella protezione e le cause alla base della schiavitù infantile e lavoro minorile nel settore del cacao. Ci stiamo unendo al Fair World Project, Mighty Earth e Be Slavery Free nella nostra chiamata.

Questo mezzo pagare redditi viventi ai coltivatori di cacao impoveriti, porre fine al pericoloso uso di pesticidi - rilevando l'alta prevalenza di lavoratori minorili e l'enorme pedaggio ambientale - aumentando i sistemi di monitoraggio e riparazione del lavoro minorile, promulgando misure di due diligence sui diritti umani, aumentando la tracciabilità e ponendo fine alla deforestazione.

Lavoro minorile nell’industria del cioccolato

I leader dell'industria del cioccolato hanno promesso in base al protocollo Harkin-Engel quasi 20 anni fa di sostanzialmente ridurre le peggiori forme di lavoro minorile, inclusa la schiavitù infantile, nell'industria del cacao, ma non sono riuscite a raggiungere tale obiettivo.2

Il nostro nuovo appello all'azione arriva prima della pubblicazione di un rapporto dell'istituto di ricerca indipendente NORC dell'Università di Chicago, che esamina la prevalenza del lavoro minorile nelle piantagioni di cacao in Ghana e Costa d'Avorio ai sensi del protocollo Harkin-Engel.

trapelata prima versione del rapporto 3 suggerisce che, nonostante decenni di campagna pubblicitaria e sforzi aziendali volontari, il lavoro minorile nella produzione di cacao è complessivamente aumentato. Come indicato nel nostro comunicato stampa congiunto, il rapporto rivela anche che il numero di bambini lavoratori esposti a pesticidi nocivi è aumentato.4

Secondo il rapporto sulla tratta di persone del 2020 negli Stati Uniti, giovani ragazzi che lavorano nelle coltivazioni di cacao in Costa d'Avorio e in Ghana si trovano a dover subire umano traffico ed lavoro forzato con le vittime costrette a svolgere lavori pericolosi e pericolosi che minacciano il loro benessere. 5Alcuni sono trafficati dai vicini paesi dell'Africa occidentale, come Burkina Faso e Mali, e controllati da un "grande capo" che li sfrutta.6

"Ammetto che sia una specie di schiavitù", ammette un coltivatore di cacao. “Sono ancora bambini e oggi hanno il diritto di ricevere un'istruzione. Ma li portano qui a lavorare, ed è il capo che prende i soldi ".

Questi ragazzi, alcuni di appena sei anni, lo sono costretti a spruzzare pesticidi pericolosi, abbattere le foreste usando machete affilati e trasportare sacchi di cacao del peso di 100 libbre o più. Il problema è così grave che le ex vittime di costrizione lavoro minorile in Costa d'Avorio hanno portato il loro caso alla Corte Suprema degli Stati Uniti, sostenendo che le aziende statunitensi erano complici della schiavitù dei bambini all'estero. Le vittime affermano di essere state costrette a lavorare fino a 14 ore al giorno, a cui sono stati dati solo avanzi di cibo da mangiare e che sono state duramente picchiate o torturate se hanno cercato di scappare. 7

Dieci delle principali aziende mondiali di cioccolato che producono caramelle, come M&M's, KitKat, Ferrero Rocher, Mars, Cadbury, Lindt, Nestlé, Hershey e Godiva hanno promesso da tempo di intensificare gli sforzi per eliminare la schiavitù infantile e il lavoro minorile all'origine delle loro catene di approvvigionamento in Africa occidentale. Nel  un prodotto associato al lusso e all'indulgenza, come il cioccolato, lo sfruttamento e l'abuso dei bambini nella sua produzione è particolarmente incongruo.

Uno studio del 2018 della Tulane University e Tony's Chocoloney stima che un gran numero di i bambini in Costa d'Avorio e in Ghana ne sono vittime lavoro forzato, sottolineando che molti bambini nelle fattorie di cacao sono esposti a condizioni di lavoro pericolose. 8

Gran parte del problema è legato alle aziende del cioccolato che pagano prezzi estremamente bassi per il cacao. La povertà è una delle cause principali di lavoro minorile ed lavoro forzato. Incapaci di guadagnarsi da vivere da soli, i coltivatori di cacao potrebbero essere costretti a rivolgersi ai ragazzi come fonte di manodopera a basso costo e sfruttabile.

Sebbene molte aziende si siano rivolte a schemi di certificazione e ai propri programmi di responsabilità sociale d'impresa, questi non intaccano il problema. Questo porta a una corsa al ribasso con le aziende che adottano gli standard più bassi possibili necessari, o creano i propri, per creare una patina etica. Ma le statistiche tagliano il PR: forzato lavoro minorile non sta andando via.

Misure legali contro lo sfruttamento minorile

L’Unione Europea sta negoziando a legge che potrebbe cambiare le pratiche di lavoro nel cacao - Il Direttiva sulla due diligence in materia di sostenibilità aziendale. 9 Chiediamo ai legislatori di farlo includere la vita reddito e acquisti equi come diritti dei coltivatori di cacao per garantire che siano protetti dalla povertà ed schiavitù moderna. Scopri di più sul reddito di soggiorno. 10 E altre ancora… scrivere ai legislatori per garantire che le aziende siano tenute a pagare un reddito dignitoso agli agricoltori! 11

La tracciabilità e la trasparenza rimangono problemi cronici per l'industria del cioccolato. Un'importante indagine del Washington Post ha rilevato che "Mars, produttore di M & M's e Milky Way, può far risalire solo il 24% del suo cacao alle fattorie; Hershey, la creatrice di Kisses and Reese's, meno della metà; Nestlé può tracciare il 49% della sua fornitura globale di cacao alle aziende agricole. "12 Se le aziende non sono in grado di tracciare e non possono tracciare completamente le proprie catene di fornitura, non dovrebbero fare affari.

Ma questa non è solo una questione di lavoro, si tratta anche di proteggere l'ambiente e riconoscendo che esiste un legame tra la schiavitù dei bambini e la deforestazione. Se le aziende continuano a distruggere i terreni agricoli, cosa rimarrà per le generazioni future?  A causa del basso prezzo del cacao, gli agricoltori sono stati costretti a espandere le fattorie, approfondendo le foreste e talvolta usando la coercizione per costringere i ragazzi a liberare la terra usando i machete per far posto alla produzione di cacao. 13

La spinta disperata per aumentare la produttività per sbarcare il lunario ha anche queste stesse ragazzi che manipolano pesticidi sempre più pericolosi. Non solo lavoro minorile non sta andando via, ma diventa anche più pericoloso per i giovani mettere a rischio la propria salute e sicurezza.

Dobbiamo agire adesso!

Non possiamo lasciare che le aziende del cioccolato continuino a un ritmo così basso e lavorino individualmente. Chiediamo un approccio settoriale combinato tra le aziende del cioccolato e tutte le altre parti interessate per liberare l'industria da questa piaga

Il cioccolato non dovrebbe essere sul mercato a meno che non sia prodotto eticamente ed è privo di schiavitù moderna.

Agisci oggi per chiedere che le principali aziende mondiali di cioccolato si facciano avanti per affrontare completamente lo sfruttamento dei bambini nel cacao dell'Africa occidentale una volta per tutte.

  • Dicembre 5, 2023: Il nostro ultimo articolo è uscito! Questo punto di svolta di VOICE si concentra sulla trasformazione dell’industria del cacao per renderla più sostenibile e libera dalla schiavitù. Leggi il documento completo qui.

  • Novembre 21, 2023: Il governo olandese ha pubblicato un dichiarazione (in olandese) in cui sostengono la posizione del Parlamento europeo di includere il reddito dignitoso e pratiche di acquisto eque nel CSDDD come necessità per contribuire a un miglioramento sostanziale.

  • March 2023: La direttrice esecutiva di Freedom United, Joanna Ewart-James, si è recata in Costa d'Avorio per incontrare le comunità di coltivatori di cacao e ascoltare le loro preoccupazioni e le soluzioni che chiedono. Scopri cosa le hanno detto.

  • Marzo 28, 2023:  La Chocolate Scorecard 2023 è ora online! Scopri come si sono comportati i tuoi marchi preferiti e invita tre grandi marchi a essere più trasparenti.

  • 13 ottobre 2020: Lanci della campagna

Entra e aiuta a finire il moderno schiavitù una volta per tutte.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
9 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Clive Rubin
Clive Rubin
11 mesi fa

È allo stesso tempo indicativo e rivelatore che le aziende produttrici di dolciumi quotate in borsa, che rispondono nei confronti dei propri azionisti, non sono in grado o non sono attualmente disposte a essere trasparenti, responsabili o svolgere i propri doveri fiduciari e riferire all'assemblea generale e agli azionisti, negligenza, cattive condizioni relative al commercio e confrontandosi con il fatto che, fino a prova contraria, le aziende di cioccolato/dolciumi sono complici della Global Illicit Supply Chain.

pagliaio
pagliaio
10 mesi fa

Il rifiuto di partecipare indica qualcosa di cui si vergognano….

Kristin Dawson
Kristin Dawson
10 mesi fa

Non è abbastanza buono che queste società che guadagnano miliardi si rifiutino di esserlo. Trasparenti sul lavoro che viene utilizzato per realizzare i loro profitti. Questi prodotti dovrebbero essere boicottati fino a quando non saranno più responsabili.

Pietro
Pietro
9 mesi fa

Il cacao è pubblicizzato da rispettate autorità sanitarie mondiali come un bene per la salute e il cuore; allo stesso modo i coltivatori ei lavoratori del cacao meritano una buona vita di speranza e salute per loro e per i loro cari.

Francesco Lavigna
9 mesi fa

La. Corpo. situato in paesi più ricchi e potenti dovrebbe essere etico nell'apprendere i produttori e il corpo nei tentativi della 3a Coppa del mondo su come operano e sui loro reali bisogni. Sfruttano bambini e lavoratori e perché. I primi trattano solo con produttori etici e pagano in modo equo in rapporto al profitto che realizzano.

Richiedi trasparenza a Mondelez, Unilever e General Mills!

Ciao,

Sono allarmato e deluso nel vedere che la tua azienda non ha partecipato alla Chocolate Scorecard 2023. Una grande azienda con diversi popolari prodotti a base di cioccolato come questo dovrebbe essere attivamente impegnata negli sforzi per aumentare la trasparenza e la sostenibilità nel cacao.

In qualità di consumatore consapevole, utilizzo la Chocolate Scorecard per aiutarmi a capire cosa stanno facendo le aziende per affrontare i principali danni sociali e ambientali nelle loro catene di approvvigionamento, come la schiavitù moderna e la deforestazione. Senza le valutazioni di questa azienda, non posso facilmente valutare se voglio sostenerla o meno acquistando i suoi prodotti.

Vorrei chiedere alla vostra azienda di mostrare maggiore trasparenza il prossimo anno partecipando alla prossima edizione o pubblicando in altro modo informazioni chiave come da dove l'azienda si procura il cacao, quanto è certificato e quanto è tracciabile, se l'azienda ha un limite di tempo piano d'azione per il reddito di sussistenza e prove di un sistema efficace per identificare e affrontare il lavoro minorile e forzato.

Cordiali saluti,

Vorrei inviare un messaggio dalla mia email a:
Riceverai un'e-mail con ulteriori istruzioni dopo aver fatto clic per continuare. Per favore controlla la tua cartella spam.
Freedom United lo farà proteggere la tua privacy mentre ti aggiorno su campagne, notizie e storie sulla schiavitù moderna.

Ultima attività
  • Ultima attività
    Isabella H.
  • Ultima attività
    Steve A.
  • Ultima attività
    Nisa Y.
Partner della campagna