Invito il governo uzbeko a ritirare le accuse contro Malokhat

L'attivista per i diritti umani Malokhat ha bisogno del tuo sostegno

Il 12 novembre 2017, la polizia uzbeka ha fatto irruzione nella casa dell'attivista per i diritti umani Malokhat Eshonkulova e ha confiscato alcuni dei suoi averi, inclusi i riscaldatori elettrici, in una ricerca di quasi 11 ore per il suo computer e telefono cellulare. Malokhat è stata presa di mira per aver organizzato picchetti che chiedevano alle autorità di monitorare il suo lavoro forzato e lavoro minorile nella raccolta di cotone gestita dal governo dell'Uzbekistan.1

Nonostante le recenti dichiarazioni pubbliche del presidente uzbeko e del primo ministro intendessero dimostrare progressi nell'affrontare il discorso lavoro forzato, le autorità uzbeke hanno imposto una multa di $ 1400 a Malokhat come rappresaglia per aver sollevato denunce lavoro forzato. Se non vengono pagati, tutti i suoi averi possono essere confiscati e venduti.

Nel tentativo di reprimere il dissenso, le autorità stanno utilizzando un antiquato sistema di permessi di registro dall'epoca sovietica a minacciare Malokhat con deportazione interna dalla regione della capitale di Tashkent, dove vive con la sua famiglia, a una remota regione del paese.

Il lavoro e la voce di Malokhat per illuminare le violazioni dei diritti umani nell'industria del cotone dell'Uzbekistan non devono essere messi a tacere.

Malokhat, insieme alla sua collega attivista Elena Urlaeva, è stata ripetutamente arrestata e molestata dalle autorità uzbeke per il loro tentativo di documentare lavoro forzato e violazioni dei diritti umani durante i raccolti di cotone 2016 e 2017. Sono stati accusati di spionaggio, insultati, esposti a ripetute perquisizioni, persino costretti a spogliarsi nudi.2

Nel marzo 2017, Elena era detenuto in un istituto e costretto a sottoporsi a "cure" psichiatriche non necessarie per 23 giorni. Abbiamo lanciato una campagna in collaborazione con Campagna di cotone per attirare l'attenzione sulla difficile situazione di Elena, aiutandola a ottenere il suo rilascio.3

Vogliamo che il potere della solidarietà internazionale aiuti Malokhat allo stesso modo! Unisciti a noi per supportarla mentre combatte queste molestie!

L'Uzbekistan è il quinto produttore di cotone al mondo e ogni anno costringe più di un milione di cittadini a coltivare e raccogliere cotone per rispettare le quote nazionali. I cittadini vengono mobilitati in massa e costretti a lavorare sotto la minaccia di multe, perdita del posto di lavoro, espulsione dalla scuola, accuse penali e perdita delle prestazioni di sicurezza sociale.4 L'industria "genera più di 1 miliardo di dollari di entrate annuali che vanno in un conto fuori bilancio opaco non aperto al controllo pubblico e controllato da funzionari governativi di alto livello".5

Non possiamo permettere alle autorità uzbeke di perseguitare individui coraggiosi come Malokhat per coprire i suoi crimini! Alzati ora per proteggere Malokhat e chiedi che queste accuse infondate vengano ritirate!

  • Dicembre 2019: Malokhat non si sente in grado di restare in Uzbekistan e chiede asilo fuori dal paese. Per questo motivo abbiamo deciso di chiudere questa campagna: grazie a tutti coloro che sono intervenuti per Malokhat!

  • Giugno 2019: È stata aperta un'indagine penale contro Malokhat per un video report che ha pubblicato accusando un funzionario distrettuale di corruzione. Clic per saperne di più, clicca qui per leggere i dettagli. Questo è un capovolgimento molto deludente delle nuove libertà di cui stava iniziando a godere solo di recente.

  • Dicembre 2018: Siamo lieti di annunciare che Malokhat ha ora ricevuto il suo permesso di soggiorno a Tashkent, aprendo la strada alla possibilità di viaggiare all'estero. Con questo permesso, potrà richiedere un permesso di viaggio, che se concesso, significherà la fine delle molestie che ha subito per il suo lavoro esponendo il lavoro forzato nei campi di cotone.

  • Settembre 2018:  Malokhat ha bisogno del tuo sostegno mentre cerca di far revocare le restrizioni su di lei dalla Corte Suprema dell'Uzbekistan. Clicca qui per saperne di più sul caso di Malokhat.

  • Maggio 2018: Direttore esecutivo di Freedom United si è incontrato con Malokhat a Tashkent. Ha spiegato che la protratta processo legale per garantire la documentazione richiesta in modo che possa viaggiare rimane in corso. Malokhat crede che questo sia una rappresaglia per il suo lavoro sui diritti umani.

  • 29 nov 2017: Lanci della campagna

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
82 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Galya
Galya
anni fa, 4

Vengo dall'Uzbekistan e tutto questo è vero. Odio questa schiavitù del cotone in cui vive quasi tutta la nostra gente. Spero che ci saranno molti più giornalisti e persone normali, che non hanno paura di dire la loro opinione su quello che sta succedendo nel mio paese.

Rose Brooks
anni fa, 4
Rispondi a  Galya

Galya- Non lo so in prima persona ma tu sì. Penso che l'attività sia terribile e spero di vederne la fine.

David Aherne Esq.
anni fa, 4

L'uso di fertilizzanti pericolosi, killer settimanali e pesticidi espone i bambini dell'Uzbekistan a sostanze chimiche altamente tossiche. Il cotone utilizza più sostanze chimiche letali di tutte le altre colture del pianeta.

Agnetha
Agnetha
anni fa, 4

Malokhat si batte per gli oppressi e abbiamo bisogno di più come lei. Come può un lavoro così buono essere un crimine?

Eric McCarron
Eric McCarron
anni fa, 4

Non è nero contro bianco contro marrone contro cattolico contro protestante contro musulmano contro ateo contro credenti contro maschi contro femmine contro etero contro gay o chiunque altro contro chiunque altro. . La vera lotta è il ricco contro il povero. Lo è sempre stato, sempre lo sarà. Niente di più, niente di meno. Vogliono la schiavitù, preferibilmente con schiavi che credono di essere liberi. Quelli sono i migliori. (Potete citarmi tutti su questo 😉) Eric McCarron

Tyler Perry
Tyler Perry
anni fa, 4
Rispondi a  Eric McCarron

Abbiamo tutti bisogno di unirci e mettere fuori gioco tutti i Walmart IN TUTTO IL MONDO... LORO SONO IL PIÙ GRANDE SOSTENITORE DELLA SCHIAVITÙ MODERNA DI BAMBINI E ADULTI... BOICOTTARE WALMART S. TUTTO IL CAMBIAMENTO INIZIA DA UNA PERSONA. GUARDA COSA HANNO FATTO ROSA PARKS E MLK PER MIGLIORARE LA VITA DI MOLTI. ED ENTRAMBI HANNO INIZIATO COME UNO…….

Colin Caposquadra
anni fa, 4

Come sempre, dietro l'azione delle autorità c'è sicuramente la paura, perché sanno che sta dicendo la verità. E, dato il tempo e il nostro supporto, la verità avrà la sua strada, perché nessun sistema basato sulla menzogna può sopravvivere.

Questa campagna ha avuto un impatto con 44,323 sostenitori!

Si prega di leggere il nostro rapporto sul campo con il riepilogo e il risultato

VISUALIZZA RAPPORTO DI CAMPO

Attività recenti

  • Stefano K.,
  • Tina M.,
  • Vivek C.,
  • Fernando S.,
  • Elke D.,
  • pungiglione m.,
  • Victor L.,
  • Wendy B.,
  • Luciana F.,
  • Dejair B.,

Partner della campagna

Invia ad un amico