Torcia olimpica

Palihapitiya e il CIO: non cura e neutralità di fronte all'ingiustizia

6
Lavoro forzatoLegge e politicaPrevenzioneSupply Chain

Mancano una settimana alle Olimpiadi invernali di Pechino, ma invece di un accumulo di anticipazione celebrativa, coloro che non sono sulla linea di protesta non sembrano tanto eccitati quanto cupamente determinati a superare i Giochi illesi. Atleti, governi, sponsor e persino il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) stanno procedendo con cautela, tenendo la testa bassa e preparandosi al peggio.   

"Non la festa gioiosa che avremmo voluto che fosse..." 

Era un quadro diverso in vista delle Olimpiadi di Pechino 2008. Allora, il CIO aveva grandi speranze sulla base delle promesse fatte dalla Cina che i giochi avrebbero in qualche modo ispirato un rafforzamento dei diritti umani nel Paese. Poi il presidente del CIO, Jacques Rogge, ha detto ai giornalisti nel 2006, “La messa in scena dei Giochi di Pechino farà molto per i diritti umani e le relazioni sociali. Siamo sicuri che sarà così. Avere da 20 a 25,000 addetti alla stampa in copertura, aprirà il paese al mondo intero. Avrà un effetto positivo".

Non era solo. Il Dalai Lama aveva affermato che la Cina "meritava" di ospitare i Giochi e il famoso artista cinese Ai Weiwei ha progettato lo stadio ufficiale, il Bird Nest, per simboleggiare l'apertura del Paese.  

Invece, nei mesi precedenti l'inizio di quei Giochi, il silenziamento, sgomberi, lavoro forzato e repressione di manifestanti, lavoratori migranti, cittadini, tra gli altri abusi, ha spinto Rogge a ricordare alla Cina la sua promessa e ha invitato il governo a farlo "rispetta questo impegno morale".  

Il ministero degli Esteri cinese ha pubblicamente ribattuto che il CIO deve "sostenere le Olimpiadi di Pechino e aderire alla Carta olimpica di non introdurre fattori politici irrilevanti". 

Quando l'elefante ha il piede sulla coda di un topo 

Flashforward al 2022 e l'attuale presidente del CIO Thomas Bach sembra aver preso a cuore questa missiva. Questa volta, non vengono fatte promesse sui diritti umani. Alla domanda sui piani della sua organizzazione per mitigare il rischio di violazioni dei diritti umani alle Olimpiadi invernali di quest'anno a Pechino che inizieranno il 4 febbraio, Bach e il CIO scelgono invece di eludere del tutto le conversazioni sui diritti umani in nome della "neutralità".  

Desmond Tutu una volta disse: "Se sei neutrale in situazioni di ingiustizia, hai scelto la parte dell'oppressore. Se un elefante ha il piede sulla coda di un topo e dici di essere neutrale, il topo non apprezzerà la tua neutralità.  

Ma Thomas Bach dice: “Non commentando questioni politiche, non ti stai schierando. Né l'uno, né l'altro. Questa è la missione del CIO. Altrimenti, non potremmo riuscire a portare a termine la missione dei Giochi, portare e unire il mondo". 

Non importa se il mondo, si potrebbe pensare, include gli uiguri, i difensori dei diritti umani e le leggi e gli standard internazionali.  

Tutte le cose che la “neutralità” non vede 

Da quando ha assegnato a Pechino i Giochi invernali del 2022, sono continuati a emergere resoconti orribili di lavori forzati, torture, separazione familiare e altri abusi nei campi di detenzione della regione uigura.   

L'anno scorso, un indipendente gruppo di espertie tribunaleha scoperto che le azioni dello stato cinese contro la popolazione uigura equivalevano a un genocidio. L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, così come 40 paesi nel Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite hanno pubblicamente condiviso le preoccupazioni sui crimini contro l'umanità nella regione uigura. 

Il governo degli Stati Uniti ha firmato il Legge uigura sulla prevenzione del lavoro forzato diventare legge alla fine del 2021 per "assicurare che le merci realizzate con il lavoro forzato nella regione autonoma uigura dello Xinjiang (XUAR) della Repubblica popolare cinese non entrino nel mercato degli Stati Uniti e per altri scopi".

Citando il lavoro forzato e altre violazioni dei diritti umani nella regione uigura, gli Stati Uniti, il Regno Unito, il Canada e l'Australia hanno annunciato il boicottaggio diplomatico dei Giochi lo scorso anno. Attivisti di tutto il mondo hanno chiesto un boicottaggio totale.   

Il lavoro forzato viola la Carta Olimpica 

Il CIO ha recentemente testimoniato ai legislatori statunitensi questo mese che, sulla base dei rapporti dei suoi revisori dei conti di terze parti, non c'è lavoro forzato nella produzione delle sue uniformi. Tuttavia, nel marzo 2021, il suo fornitore ufficiale di divise, Anta Sports, dichiarata, "Abbiamo sempre acquistato e utilizzato cotone prodotto in Cina, compreso il cotone dello Xinjiang, e in futuro continueremo a farlo". Più o meno nello stesso periodo, l'azienda ha lasciato la Better Cotton Initiative per annunciare l'uscita dalla regione.  

Al CIO viene chiesto di rendere pubbliche le assicurazioni e i certificati di autorizzazione che hanno ricevuto. I legislatori avvertono: “Come punto di partenza per adempiere al proprio impegno a sostenere e rispettare i diritti umani e in linea con la conservazione della dignità umana sancita dalla Carta Olimpica, il CIO deve difendere e rispettare i diritti umani di quelli che si facevano le divise addosso”. 

Infatti, il secondo principio della Carta Olimpica recita: L'obiettivo dell'Olimpismo è di porre lo sport al servizio dello sviluppo armonioso dell'uomo, nell'ottica di promuovere una società pacifica, attenta alla conservazione della dignità umana. 

L'atteggiamento Palihapitiya  

Questo mese, investitore miliardario americano Chamath Palihapitiya ha dichiarato: "Nessuno si preoccupa di quello che sta succedendo agli uiguri". Palihapitiya ha inoltre affermato che "Non finché non saremo in grado di prenderci cura di noi stessi, darò loro la priorità su di noi" e che l'intero concetto di diritti umani globali è una "credenza di lusso". 

Sebbene sia più palesemente egocentrico rispetto alle dichiarazioni del CIO, il sentimento è più o meno lo stesso. Il CIO ha fatto dei rumori “speranza in un futuro migliore e più pacifico” e ha parlato dolcemente dei sogni degli atleti di distogliere l'attenzione dalla loro evidente negligenza delle politiche di due diligence sui diritti umani.  

Tuttavia, quando Freedom United, insieme ai nostri partner della Coalition to End Forced Labour nella regione uigura, ha trascorso otto mesi nel 2021 tentando pazientemente di organizzare una discussione sui potenziali rischi legati al lavoro forzato e ai diritti umani connessi ai Giochi, il CIO ha respinto la nostra proposta per un dialogo reciproco rispettoso.

Inoltre, nel di fronte alle segnalazioni di Osservazioni da un membro di alto rango del Comitato Organizzatore di Pechino minacciando la "punizione" degli atleti il ​​cui discorso è "contro le leggi e i regolamenti cinesi", il CIO non ha in programma di condividere come proteggerà le persone senza le quali non ci sarebbero i Giochi. Gli atleti sono preoccupati per la loro sicurezza, ma il CIO, come Palihapitiya, non sembra importare 

L'unità richiede il rispetto dei diritti umani  

Fortunatamente, la comunità Freedom United ha valori diversi. Teniamo molto alla libertà e al godimento dei diritti fondamentali di tutte le persone. Sebbene il nostro mandato sia combattere la schiavitù moderna, grazie al nostro approccio ai diritti umani possiamo vedere come un mega evento sportivo internazionale può facilitare o peggiorare i rischi di lavoro forzato e agire.  

Ecco perché noi lanciato una nuova petizione questo mese per dire al CIO che le Olimpiadi devono essere libere dal lavoro forzato. Cambierà la loro indifferenza? Molto probabilmente no, ma lo dirà al mondo, agli uiguri, agli sponsor e agli atleti a cui teniamo.   

La cura carica i movimenti, cambia le leggi e crea un ambiente di liberazione.  

Forse le Olimpiadi Invernali 2022 non ne risentiranno ma siamo certi che il CIO ci penserà due volte sulle sue scelte future.  

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

6 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Steve van Allen
Steve van Allen
7 mesi fa

Il lavoro forzato ovunque a qualsiasi età è sbagliato.

Williambtm
Williambtm
7 mesi fa

La storia recente degli USA non è migliore del metodo cinese di trattare con la sua gente.
Considera le tribù indiane massacrate d'America che si verificano nella storia precedente dell'America, anche fino ad ora si tratta ancora di massacri attraverso nuove guerre iniziate dagli Stati Uniti di A.
L'America non ha alcun distintivo di autorità su nessun'altra nazione, ci pensi?

Naheed Khan
Naheed Khan
7 mesi fa

I diritti umani contano più di ogni altra cosa!!!!Vergogna per la Cina e per tutti coloro che non condannano il suo trattamento uiguro!!!

Dick Gallien
Dick Gallien
7 mesi fa

Bloccare la Russia dalle Olimpiadi, per impedire a Putin di invadere l'Ucraina
Una minaccia simile ci avrebbe impedito di invadere Vietnam, Iraq e Afghanistan?

anu
anu
7 mesi fa

grazie 30 gen 2022